Affidamento diretto – richiesta comprova esperienze analoghe per tutti gli affidamenti sino a 139.000 Euro

pubblicato il: 27 Ottobre 2021

Parere Ministero delle Infrastrutture e della Mobilita’ Sostenibile n.987/2021).

L’ufficio di consulenza del ministero delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibile è stato chiamato a fornire un chiarimento (parere Mims n. 987/2021) sul nuovo affidamento diretto “veicolato/guidato” come disciplinato, oggi, dall’articolo 1, comma 2, lettera a) della legge 120/2020.

PARERE MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DELLA MOBILITA’ SOSTENIBILE

Codice identificativo: 987 Data ricezione: 02/08/2021

Argomento: Decreto Semplificazioni

Oggetto: Affidamento diretto – Richiesta comprova esperienze analoghe

Quesito: Si richiede il parere di codesto Servizio in ordine alla modifica apportata in sede di conversione all’art. 51 comma 1 lett. a) del D.L. 77/2016, avente ad oggetto la richiesta agli operatori economici di documentare “esperienze analoghe a quelle oggetto di affidamento” ai fini dell’affidamento diretto. Il riferimento è da intendersi al possesso di una particolare capacità tecnica ai sensi dell’art. 83 del Codice dei contratti? Riguarda tutti gli affidamenti diretti disposti dalla stazione appaltante di importo inferiore a139.000,00 euro oppure la modifica è da riferirsi ai contratti di importo compreso tra i 75.000,00 e i 139.000,00 euro?

Risposta: In base a quanto previsto dall’art.1, comma 2 lett. a) del decreto 77/2021, come modificato dalla legge 108/2021, occorre che i soggetti affidatari siano “in possesso di pregresse e documentate esperienze analoghe a quelle oggetto di affidamento”, comunque nel rispetto del principio di rotazione. Appare corretto il riferimento ai requisiti di capacità tecnica e professionale di cui all’art. 83, co.1 lett. c). La disposizione novella espressamente l’art. 1 , comma 2 lett. a) del decreto 77/2021 e, dunque, per quanto riguarda i servizi, si applica a tutti gli affidamenti di importo compreso tra 0 e 139.000 euro.