Consip: disponibili per l’acquisto 1500 ecotomografi di ultima generazione

pubblicato il: 1 Agosto 2022

L’iniziativa mette a disposizione delle strutture sanitarie ecotomografi multidisciplinari e cardiologici con funzionalità 3D, di questi 700 sono riservati agli acquisti attraverso i fondi Pnrr

“Attivati i primi due lotti dell’Accordo quadro per la fornitura di 1.500 ecotomografi multidisciplinari di alta fascia e cardiologici con funzionalità 3D. Di questi, 700 apparecchiature potranno essere acquistate dalle strutture sanitarie pubbliche, attraverso i fondi del PNRR (Missione 6 – Salute, componente 2 – Innovazione, ricerca e digitalizzazione del Servizio Sanitario Nazionale – Investimento 1.1 – Ammodernamento del parco tecnologico e digitale ospedaliero), per la sostituzione del parco macchine obsoleto come risultante della raccolta dei fabbisogni effettuata dal Ministero della Salute di concerto con le Regioni e le Province autonome”. È quanto riferisce una nota della Consip che informa inoltre che ulteriori 800 apparecchiature sono disponibili anche per le amministrazioni non titolari dei fondi Pnrr, ma che intendono potenziare il proprio parco macchine.

“Nei prossimi mesi – prosegue Consip – saranno attivate ulteriori iniziative funzionali ai progetti PNRR, per il rinnovo delle apparecchiature sanitarie (Tomografi PET/CT, Radiologia – Telecomandati e Polifunzionali, Acceleratori lineari, Gamma Camere e Gamma Camerte CT). L’Accordo quadro avrà una durata di 12 mesi (più eventuali ulteriori 6 mesi di proroga), periodo durante il quale le strutture sanitarie potranno stipulare uno o più appalti specifici con gli operatori economici aggiudicatari dell’appalto, da cui deriveranno contratti della durata di 12 mesi. Lo strumento dell’Accordo quadro con più aggiudicatari garantisce una ampia scelta per le amministrazioni. Infatti, accanto al criterio della priorità in base alla graduatoria di merito, è stato introdotto anche il criterio della scelta tecnica, che consentirà di ordinare le apparecchiature a qualsiasi aggiudicatario qualora sussistano ragioni tecniche o cliniche (es. tempi di consegna, specifici accessori per la diagnosi clinica, etc.).

La gara ha permesso di ottenere risultati positivi sia dal punto di vista qualitativo – tutte le apparecchiature offerte risultano di elevato standard tecnologico – che economico, con ribassi medi di circa il 35% rispetto al prezzo base d’asta. Una parte significativa della valutazione effettuata dalla commissione, composta da medici radiologi esperti, ha riguardato – conclude Consip –  la qualità delle immagini cliniche su casi reali sulla base di protocolli redatti in collaborazione con la Società Italiana di Radiologia Medica (SIRM) e la Società Italiana di Ultrasonologia in Medicina e Biologia (SIUMB)”.