OMS: decine di migliaia di tonnellate di rifiuti sanitari in più per colpa di Covid-19

pubblicato il: 27 Aprile 2022

A livello globale mancano servizi di gestione sicura dei rifiuti sanitari, soprattutto nei paesi meno sviluppati. Gli ultimi dati disponibili indicano che 1 struttura sanitaria su 3 nel mondo non gestisce in sicurezza i rifiuti sanitari.

Il Rapporto dell’Oms

Decine di migliaia di tonnellate di rifiuti sanitari extra derivanti dalla risposta alla pandemia di Covid-19 hanno messo a dura prova i sistemi di gestione dei rifiuti sanitari in tutto il mondo, minacciando la salute umana e ambientale ed esponendo un disperato bisogno di migliorare le pratiche di gestione dei rifiuti, secondo un nuovo rapporto dell’Oms. L’analisi globale dell’Oms sui Rifiuti sanitari nel contesto del Covid-19: stato, impatti e raccomandazioni, basa le sue stime sulle circa 87.000 tonnellate di dispositivi di protezione individuale (Dpi) che sono state acquistate tra marzo 2020 e novembre 2021 e spedite ai paesi che necessitavano di supporto nella urgente risposta al Covid-19 attraverso un’iniziativa di emergenza congiunta delle Nazioni Unite. L’Oms prevede che la maggior parte di questa attrezzatura sia finita come rifiuto.

Gli autori del rapporto notano che questo fornisce solo un’indicazione iniziale della portata del problema dei rifiuti Covid-19. Non tiene conto di nessuno dei prodotti contro Covid-19 acquistati al di fuori dell’iniziativa, né dei rifiuti generati dal pubblico come le mascherine mediche usa e getta. Sottolineano che sono stati spediti oltre 140 milioni di kit di test, con un potenziale per generare 2.600 tonnellate di rifiuti non infettivi (principalmente plastica) e 731.000 litri di rifiuti chimici (equivalenti a un terzo di una piscina olimpionica), mentre oltre 8 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate a livello globale producendo 144.000 tonnellate di rifiuti aggiuntivi sotto forma di siringhe, aghi e cassette di sicurezza.

Mentre le Nazioni Unite e i paesi si trovavano alle prese con il compito immediato garantire la qualità delle forniture di Dpi, meno attenzione e risorse sono state dedicate alla gestione sicura e sostenibile dei rifiuti sanitari legati al Covid-19. “È assolutamente fondamentale fornire agli operatori sanitari i Dpi sicuri”, ha affermato Michael Ryan, direttore esecutivo del programma per le emergenze sanitarie dell’Oms. “Ma è anche fondamentale garantire che possano essere utilizzato senza un impatto sull’ambiente circostante”. Ciò significa disporre di sistemi di gestione efficaci, compresa la guida per gli operatori sanitari su cosa fare con i Dpi e i prodotti sanitari dopo che sono stati utilizzati.

Oggi, il 30% delle strutture sanitarie (60% nei paesi meno sviluppati) non è attrezzato per gestire i carichi di rifiuti esistenti, per non parlare del carico aggiuntivo di Covid-19. Ciò espone potenzialmente gli operatori sanitari a ferite da punture di aghi, ustioni e microrganismi patogeni, mentre colpisce anche le comunità che vivono vicino a discariche mal gestite attraverso l’aria contaminata da rifiuti in fiamme, scarsa qualità dell’acqua o parassiti portatori di malattie.

“Covid-19 ha costretto il mondo a fare i conti con le lacune e gli aspetti trascurati del flusso dei rifiuti e il modo in cui produciamo, utilizziamo e scartiamo le nostre risorse sanitarie, dalla culla alla tomba”, ha affermato Maria Neira, Direttore, Ambiente, Clima Cambiamento e salute all’Oms.

Il rapporto espone una serie di raccomandazioni per integrare pratiche di smaltimento dei rifiuti migliori, più sicure e più sostenibili dal punto di vista ambientale nell’attuale risposta al Covid-19 e nei futuri sforzi di preparazione alla pandemia e mette in evidenza le storie di paesi e organizzazioni che hanno messo in pratica lo spirito di “costruire tornare meglio”.

Le raccomandazioni includono l’utilizzo di imballaggi e spedizioni eco-compatibili, Dpi sicuri e riutilizzabili (ad es. guanti e mascherine mediche), materiali riciclabili o biodegradabili; investimenti in tecnologie di trattamento dei rifiuti non combustibili, come le autoclavi; logistica inversa per supportare il trattamento centralizzato e gli investimenti nel settore del riciclaggio per garantire che i materiali, come la plastica, possano avere una seconda vita.

La sfida dei rifiuti Covid-19 e la crescente urgenza di affrontare la sostenibilità ambientale, sostiene l’Oms, offrono l’opportunità di rafforzare i sistemi per ridurre e gestire in modo sicuro e sostenibile i rifiuti sanitari. Ciò può avvenire attraverso solide politiche e normative nazionali, monitoraggio e rendicontazione regolari e maggiore responsabilità, supporto al cambiamento comportamentale e sviluppo della forza lavoro e aumento di budget e finanziamenti.

“Un cambiamento sistematico nel modo in cui l’assistenza sanitaria gestisce i propri rifiuti includerebbe un controllo più ampio e sistematico e migliori pratiche di approvvigionamento”, ha affermato Anne Woolridge, presidente dell’Health Care Waste Working Group, International Solid Waste Association (ISWA).

“C’è un crescente apprezzamento per il fatto che gli investimenti sanitari debbano considerare le implicazioni ambientali e climatiche, nonché una maggiore consapevolezza dei co-benefici dell’azione. Ad esempio, l’uso sicuro e razionale dei Dpi non solo ridurrà i danni ambientali causati dai rifiuti, ma farà anche risparmiare denaro, ridurrà le potenziali carenze di forniture e sosterrà ulteriormente la prevenzione delle infezioni modificando i comportamenti”.

L’analisi arriva in un momento in cui il settore sanitario è sottoposto a crescenti pressioni per ridurre la propria impronta di carbonio e ridurre al minimo la quantità di rifiuti inviati in discarica, in parte a causa della grande preoccupazione per la proliferazione dei rifiuti di plastica e il suo impatto su acqua, cibo sistemi e salute umana ed ecosistemica.

About the Author

Marco Boni
Marco Boni
Ha ricoperto la posizione di responsabile dell’acquisizione di beni e servizi e delle attività economali a partire dal 1974, presso diverse aziende sanitarie. Da ultimo, sino al 2008, presso l’Azienda USL di Modena. Nel periodo agosto 2012 - luglio 2013 ha svolto le funzioni di provveditore a contratto presso l’Azienda USL di Rimini. Dal 1998 al 2004 è stato anche coordinatore amministrativo dell’unione di acquisto (prima in Italia, nell’ambito della pubblica amministrazione) realizzata tra le aziende sanitarie dell’area vasta Emilia nord. È stato consulente dell’Azienda Sanitaria Unica della Regione Marche per le attività di centralizzazione degli acquisti. Ha partecipato a gruppi di lavoro istituiti dalla Regione Emilia-Romagna per la predisposizione di normative e regolamenti di settore. Ha prodotto numerose pubblicazione sulle tematiche del public procurement. È co-autore del volume “L’acquisto dei farmaci in ospedale” I° e II° edizione – Aboutpharma Editore. È stato Presidente della Federazione delle Associazioni Regionali degli Economi Provveditori della sanità (FARE) dal 1993 al 2005. Ha svolto e svolge attività di consulenza e formazione, in ambito pubblico e privato. Giornalista pubblicista, è stato direttore responsabile delle rivista "TEME – Tecnica e metodologia economale". È articolista del “Sole 24 Ore Sanità", nonché direttore responsabile e articolista del periodico on line "News4market".