CONSIP: a disposizione della PA 10mila veicoli sostenibili per il rinnovo del parco auto nel rispetto dei nuovi cam del ministero della transazione ecologica

pubblicato il: 16 Agosto 2021

Il Ministro della Transizione ecologica ha recentemente firmato il documento che fissa i nuovi Criteri ambientali minimi (CAM) per l’acquisizione di veicoli da parte delle PA (che entrerà in vigore 120 giorni dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale). Consip mette già a disposizione delle PA un’offerta di veicoli a basso impatto ambientale (compresi gli autobus) che potrà supportarle nel rispetto dei CAM per i loro acquisti.

10mila veicoli “sostenibili” per il rinnovo in chiave green del parco auto: è questa l’offerta che Consip mette a disposizione delle PA per supportarle nel rispetto dei nuovi “Criteri Ambientali Minimi (CAM) per l’acquisto, leasing, locazione, noleggio di veicoli adibiti al trasporto su strada”, contenuti nel documento sottoscritto dal Ministro della Transizione ecologica Roberto Cingolani, che entrerà in vigore dopo 120 giorni dalla pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale.  Il documento recepisce la direttiva europea che impone agli Stati membri di assicurare, attraverso le amministrazioni aggiudicatrici, la promozione di un mercato di veicoli adibiti al trasporto su strada puliti e a basso consumo energetico. Per l’Italia è previsto l’obbligo di acquisto o noleggio di veicoli puliti (ibridi ed elettrici) secondo le seguenti soglie:

38,5% al 2025 e 2030 per i veicoli leggeri

10% al 2025 e 15% al 2030 per gli autocarri

45% al 2025 e 65% al 2030 per i bus.

Le ultime iniziative Consip nel settore automotive rappresentano una soluzione immediatamente a disposizione delle PA, offrendo un’ampia scelta di veicoli a basso impatto ambientale – il 55% degli oltre 18mila complessivamente messi a disposizione delle PA attraverso queste iniziative.

Le amministrazioni possono scegliere di approvvigionarsi di veicoli a doppia alimentazione benzina/gpl o benzina/metano, ma anche ibridi (nelle tre tipologie di alimentazione mild hybrid, full hybrid, plug-in hybrid) ed elettrici (questi ultimi soprattutto rappresentano la vera novità per la PA).

Nell’Accordo Quadro “Veicoli in noleggio” per la prima volta sono stati previsti 3 lotti interamente dedicati a veicoli ibridi ed elettrici, per un totale di 5.200 veicoli, oltre all’offerta di veicoli a doppia alimentazione (850) e di autocarri ad alimentazione elettrica. Sui 43 modelli disponibili, circa il 70% è rappresentato da veicoli a basso impatto ambientale:

L’Accordo Quadro “Veicoli in acquisto” mette a disposizione delle Amministrazioni 4.600 veicoli ad alimentazione ibrida o elettrica e a doppia alimentazione, pari al 55% dei veicoli messi a disposizione.

L’Accordo Quadro “Autobus urbani” mette a disposizione delle amministrazioni e delle società di trasporto pubblico 979 veicoli, di cui quasi l’80% sostenibili: autobus medi e lunghi a metano (31%), autobus lunghi mild hybrid e full hybrid (26%), autobus corti e lunghi full electric (20%).