Gare centralizzate in sanità: la Lombardia risparmia 152 milioni da inizio 2019

pubblicato il: 5 Luglio 2019

La centrale acquisti della Regione (Arca) ha aggiudicato 13 gare nel primo quadrimestre, raggiungendo un risparmio sulle basi d’asta del 31,5 %

Nei primi quattro mesi del 2019 la Lombardia ha risparmiato 152 milioni di euro grazie alla centralizzazione degli acquisti in sanità. Lo rende noto l’Arca, la centrale acquisti e soggetto aggregatore della Regione  che fornisce agli enti del sistema regionale e ad altre pubbliche amministrazioni il supporto e gli strumenti operativi e gestionali per migliorare l’efficienza, l’efficacia e l’economicità degli appalti pubblici.

Le gare centralizzate

Nel primo quadrimestre 2019 l’Arca ha aggiudicato 13 gare definite di “significativa rilevanza”. Le procedure concluse hanno assicurato un risparmio sulle basi d’asta del 31,5%. A fronte di un importo complessivo di gara di 482 milioni di euro sono stati conseguiti ribassi per 152 milioni di euro.

Fra le gare aggiudicate, Arca segnala in particolare tre procedure per l’acquisto di dispositivi per dialisi il cui importo aggiudicato (importo aggiudicato 105 milioni di euro) e la procedura per l’acquisto di farmaci d’importazione per Lombardia, Veneto, Liguria e Piemonte. Quest’ultima ha fatto registrare un risparmio del 64% sulla base d’asta.

Le altre gare hanno riguardato servizi per facility management degli immobili; pulizia e disinfezione di ambienti; gas medicinali, tecnici e criogenici; mezzi di osteosintesi e protesi ortopediche; ausili per disabili e farmaci in distribuzione per conto.