Farmaci. L’OMS spinge per una maggiore trasparenza e prezzi più equi

pubblicato il: 10 Giugno 2019

L’Oms continua a facilitare la condivisione delle informazioni dei paesi per migliorare la trasparenza dei prezzi.

In un forum globale su prezzi equi e accesso ai medicinali, i delegati dei governi e delle organizzazioni della società civile hanno chiesto maggiore trasparenza sui costi della ricerca e dello sviluppo e sulla produzione di farmaci, per consentire agli acquirenti di negoziare prezzi più accessibili. Il forum, co-ospitato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) e dal Governo del Sud Africa, mirava a fornire una piattaforma globale per una discussione franca tra tutte le parti interessate – compresi i governi, le organizzazioni della società civile e l’industria farmaceutica – al fine di identificare strategie per ridurre i prezzi delle medicine e ampliare l’accesso per tutti. “L’accessibilità economica dei medicinali – afferma l’Oms –  è stata a lungo una preoccupazione per i paesi in via di sviluppo, ma oggi è anche globale. Ogni anno, 100 milioni di persone cadono in povertà perché devono pagare le medicine di tasca propria. Le autorità sanitarie dei paesi ad alto reddito si trovano sempre più a dover razionare farmaci per il cancro, l’epatite C e le malattie rare. Il problema si estende ai farmaci più vecchi i cui brevetti sono scaduti, come l’insulina per il diabete”. «L’innovazione medica ha scarso valore sociale se la maggior parte delle persone non può accedere ai suoi benefici», ha detto Mariângela Simão, direttore generale dell’Oms per i medicinali e i prodotti sanitari. «Si tratta di una questione globale sui diritti umani: tutti hanno il diritto di accedere all’assistenza sanitaria di qualità». Un  rapporto commissionato dall’Oms nel 2017 ha mostrato che il costo di produzione della maggior parte dei medicinali nell’elenco dei farmaci essenziali dell’Oms era una piccola frazione del prezzo finale pagato da governi, pazienti o schemi assicurativi. “Alcuni delegati del forum – riferisce l’Oms –  hanno notato che la mancanza di trasparenza riguardo ai prezzi pagati dai governi significa che molti paesi a basso e medio reddito pagano prezzi più elevati per determinati medicinali rispetto ai paesi più ricchi. Vi era consenso sul fatto che i paesi possano compiere un primo passo verso la promozione di una maggiore trasparenza attraverso la condivisione delle informazioni sui prezzi. I paesi della cosiddetta rete Beneluxa hanno già unito le forze per condividere tali informazioni e i risultati sono stati promettenti”. Il database dell’Oms sui mercati e le carenze di vaccini – MI4A – è stato anche evidenziato nel forum come uno strumento utile per ottenere prezzi competitivi per i vaccini. Gli organismi industriali del forum hanno espresso sostegno per l’obiettivo dell’accesso ai farmaci per tutti e hanno espresso il loro impegno per l’Agenda per lo sviluppo sostenibile, che richiede una partnership con il settore privato per affrontare sfide globali come l’accesso ai medicinali”. L’Oms lancerà una consultazione pubblica online nelle prossime settimane per raccogliere opinioni e suggerimenti per una definizione di ciò che costituisce effettivamente un “prezzo equo” dalle parti interessate.