E’ Massimiliano Boggetti il presidente della neonata Confindustria Dispositivi Medici

pubblicato il: 9 Aprile 2019

a cura del dott. Marco Boni, direttore responsabile di News4market

È Massimiliano Boggetti il presidente della neonata Confindustria Dispositivi Medici, la nuova Federazione che riunisce le imprese dei medical device. Si tratta di un settore ad alto potenziale che con questo nuovo assetto riunisce 3.957 imprese con 76.500 dipendenti e un fatturato di 16,5 miliardi tra mercato interno ed export. Che da oggi potrà contare anche sulla nuova sede di Milano, inaugurata dal presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia.

«Confindustria Dispositivi Medici – ha detto Boggetti – sarà la casa comune di tutte le imprese che operano nel settore dei dispositivi medici. Grazie a un mix di competenze che creano contaminazione e valore, sarà capace di comunicare il valore che le innovazioni tecnologiche portano alla medicina moderna, sarà motore e attore principale della rivoluzione della salute 4.0 e della medicina del futuro, una medicina che migliorerà e allungherà la vita dei cittadini in modo sostenibile».

Il mondo del biomedicale è composto da 1 milione e mezzo di device che vanno dalle attrezzature chirurgiche alle grandi apparecchiature diagnostiche, dai test di laboratorio a quelli genetici per predire alcune patologie, dai software per il monitoraggio dei parametri vitali grazie alla telemedicina alle app mediche, dalle protesi dentali agli ausili sanitari. Ma sono dispositivi medici anche i biosensori, la robotica o l’intelligenza artificiale applicata alla sanità digitale.

«In uno scenario come quello attuale – aggiunge Boggetti – in cui l’Ufficio studi di Confindustria annuncia una crescita zero e, senza il traino dell’export, addirittura una fase recessiva, dovremo essere in grado di dire al governo che i dispositivi medici e tutte le tecnologie legate alla salute dell’uomo sono in grado di fare da volàno alla crescita economica, all’occupazione, all’export offrendo, nello stesso tempo, la suggestione di essere un paese moderno in grado di entrare nel futuro e di gestire l’invecchiamento in modo rispettoso per i cittadini».

Insomma, l’industria dei biomedicali non rappresenta un problema ma «un’opportunità vitale e cruciale che racchiude in sé tecnologie e modelli di business differenti». E per questo chiede di essere valorizzata: «Nel nostro Dna abbiamo un’aspettativa di vita lunga, esportiamo benessere, l’Italia è stata poco lungimirante a non investire in uno dei settori portanti dell’economia. Il governo dovrà comprendere questo valore e sostenerne lo sviluppo».

D’altra parte, secondo Boggetti, il biomedicale vale meno del 6% della spesa pubblica sanitaria. «E anche se vai a incidere con il consolidamento, la spending review, la concentrazione – sottolinea – si otterranno risparmi quasi nulli. Non è così che si risolve il problema della spesa. Solamente se si torna a investire nelle innovazioni tecnologiche si potrà migliorare la salute del cittadino e in prospettiva rendere sostenibile il sistema su capitoli di spesa ben più importanti».

La nuova governance dei dispositivi medici presentata dal ministro della Salute, Giulia Grillo, nei giorni scorsi non sembra accogliere le istanze dell’industria. «Il documento è stato mandato fuori in fretta e furia il giorno prima dell’incontro con la delegazione cinese con cui si è parlato anche di salute – spiega Boggetti -. Parlare di centrali uniche d’acquisto, di massificazione di prodotti che sono disomogenei per definizione, prezzi di riferimento, tetti di spesa e payback vuol dire solo favorire i prodotti a basso costo. E allora mi domando: dov’è che si producono prodotti a basso costo? Forse in Cina?».

In attesa di una risposta, tuttavia, Boggetti riconosce che ci siano spazi di manovra a partire dal riconoscimento oggettivo dell’innovazione tecnologica attraverso l’Health Technology Assessment (Hta), ossia il complesso di valutazioni in grado di misurare efficacia, sicurezza, costi e impatto sociale dei singoli strumenti. «Si è finalmente si è deciso di fare chiarezza – conclude Boggetti – riconoscendo anche l’industria come motore dell’innovazione: insisteremo perché il tavolo dell’Hta sia finanziato con soldi pubblici e si metta subito al lavoro ascoltando anche il nostro parere».

La nuova squadra di Confindustria Dispositivi Medici
Boggetti, 48 anni, laureato in Biologia molecolare presso l’Università degli Studi di Milano, è amministratore delegato e direttore generale di Sebia Italia e presidente di Interlab dal 2017. È stato presidente di Assobiomedica ed è membro del Consiglio Generale di Confindustria. Boggetti ha scelto il direttore generale, Fernanda Gellona, e la squadra dei vicepresidenti che comporranno il Consiglio di presidenza della Federazione: Angelo Gaiani (Bracco Imaging Italia) con delega al Centro studi; Daniela Delledonne (BD-Becton Dickinson Italia) con delega alle Politiche per lo sviluppo; Paolo Cirmi (3M Italia) con delega alle Relazioni esterne; Gin Invernizzi (Thermo Fisher) con delega alla Comunicazione; Mirella Bistocchi (Starkey Italy) con delega a Etica e impegno sociale; Marco Ruini (Bomi Group) con delega alla Finanza; Franco Gaudino (Johnson & Johnson Medical) con delega al Capitale umano. (fonte: IlSole24 Ore-Sanità 24)

 

About the Author

Marco Boni
Marco Boni
Ha ricoperto la posizione di responsabile dell’acquisizione di beni e servizi e delle attività economali a partire dal 1974, presso diverse aziende sanitarie. Da ultimo, sino al 2008, presso l’Azienda USL di Modena. Nel periodo agosto 2012 - luglio 2013 ha svolto le funzioni di provveditore a contratto presso l’Azienda USL di Rimini. Dal 1998 al 2004 è stato anche coordinatore amministrativo dell’unione di acquisto (prima in Italia, nell’ambito della pubblica amministrazione) realizzata tra le aziende sanitarie dell’area vasta Emilia nord. È stato consulente dell’Azienda Sanitaria Unica della Regione Marche per le attività di centralizzazione degli acquisti. Ha partecipato a gruppi di lavoro istituiti dalla Regione Emilia-Romagna per la predisposizione di normative e regolamenti di settore. Ha prodotto numerose pubblicazione sulle tematiche del public procurement. È co-autore del volume “L’acquisto dei farmaci in ospedale” I° e II° edizione – Aboutpharma Editore. È stato Presidente della Federazione delle Associazioni Regionali degli Economi Provveditori della sanità (FARE) dal 1993 al 2005. Ha svolto e svolge attività di consulenza e formazione, in ambito pubblico e privato. Giornalista pubblicista, è stato direttore responsabile delle rivista "TEME – Tecnica e metodologia economale". È articolista del “Sole 24 Ore Sanità", nonché direttore responsabile e articolista del periodico on line "News4market".